AouCagliari | Una stele funeraria con scritte in latino nei sotterranei del San Giovanni di Dio a Cagliari

Motore di Ricerca Menù Orizzontale Menù della sezione Contenuti

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.Ulteriori Informazioni |OK

Una stele funeraria con scritte in latino nei sotterranei del San Giovanni di Dio a Cagliari

venerdì 12 maggio 2017

Sotterranei San Giovanni Monumenti aperti carousel

Eccezionale ritrovamento nei sotterranei del San Giovanni di Dio nel primo giorno di Monumenti aperti: una lastra con scritte in latino, probabilmente parte di una stele funeraria di epoca cristiana, è stata rinvenuta dai volontari di Mariposa (l’associazione dei dipendenti dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari) poco prima dell’apertura al pubblico.

È stata immediatamente avvertita la Soprintendenza ai Beni culturali che nelle prossime ore visionerà il reperto e lo studierà per dare una datazione certa.

«Il ritrovamento nei sotterranei – spiega il direttore generale dell’Aou di Cagliari, Giorgio Sorrentino –  testimonia il valore storico culturale del San Giovanni di Dio». Un sito tra i più visitati in assoluto tutti gli anni per Monumenti aperti e che riapre le sue porte oggi e domenica (dalle 9 alle 20, orario continuato).

GLI STUDENTI AL SAN GIOVANNI.  Le scuole che hanno “adottato” il San Giovanni sono la media di via Piceno-istituto comprensivo Santa Caterina di Cagliari e l’istituto superiore De Sanctis-Deledda. Saranno loro, sotto la supervisione degli insegnanti e dei volontari di Mariposa (l’associazione dei dipendenti dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari) a guidare i visitatori tra le suggestive bellezze dell’ospedale più antico della città. Un monumento a cui i cagliaritani sono particolarmente legati anche perché sono tantissimi i cittadini che hanno trovato rifugio e salvezza nei suoi sotterranei, durante i bombardamenti del 1943.

I DIECI ANNI DELL’AOU DI CAGLIARI. Ma domenica 14 maggio è un’altra giornata speciale per l’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari che spegne le sue prime 10 candeline. Un’azienda giovane ma già punto di riferimento della sanità sarda, italiana e internazionale con i suoi due presidi (il San Giovanni di Dio e Policlinico) che fondono storia, cultura, modernità, ricerca e sanità all’avanguardia. «Abbiamo lanciato l’hashtag #labuonasanità10anninsieme – spiega iSorrentino – proprio per dare il segno di questa grande proiezione verso il futuro della nostra azienda».

Condividi con...